rusulè

rusulè

mercoledì 19 aprile 2017

La lavatrice


Rusulè?
Haiu a canazza... dovessi lavare le tovagghie degli altari e i ruobbi del parrino. Mi siddia troppo assai..
Rusulè, l'hai vista mai una lavatrice?

 E fu accussì che dal cielo s'arricamparono tre tunni con una lavatrice, mentre un altro tunno portava un fustino di detersivo di quelli che toglie pure le macchie di meusa e di pasta con le sarde.

Chi focu ranni... ma comu si usa?
U tunnu ce lo spiegò e dopo venti minuti già la Cattedrale era tutto un miracolo di robbi stennute, pure i tunni appizzavano lenzuoli e mutanne bianche di candeggio. Rusulè era troppo contenta.

Per dimostrarcelo al tonno, ce lo disse, Curò, avutru che miracolo del muto che parla o ru cretino che arraggiuna, queste sono grazie da fare!
E ci diede una vasata di quelle col sottovuoto che u tunno diventò tutto rosso - perchè i tunni, pure che si allattariano e sembrano sputuni, poi sono affruntusi!



Giorgio D'Amato

mercoledì 12 aprile 2017

Le licenziate


Che quando Rusulè addiventò la patrona di Palemmo, la prima cosa che fece fu 'u trasloco:
Tunni, tirati stu carrietto ca canciamo casa, andiamo a stare tutti alla Cattedrale. 
Mi raccumannu non pigghiate scaffe.
E idda si purtò a cruozza, la jaggia con l'aceddo, na para di tuniche di ricambio, a pignata pi cuociri a trippa alla lievitana.


Appena mise piede in Cattedrale, non perse tempo, salì sulla cupola e ce lo disse a tutti che ora c'era lei. 
Palermo Rusulè, Nuova Gestione.
Da oggi, cumannu io.



Come fu e come non fu, lungo il Cassaro si videro quattro fimmine arraggiate che protestavano, Vergogna, Vergogna. Erano le ex-patrone di Palermo, oramai a spasso, che c'era Rusulè a proteggere i palemmitani.
E il tunno ce lo disse, Curò, itivinni ai quattro canti.
E idde - Cristina, Agata, Ninfa e Oliva -, ancora lì sono. Non le guarda nessuno ed è meglio che a queste non si ci domannano miracoli, che per sfreggio, tu ci addumanni di farti passare una malatia e idde ci fanno sbagliare i medicinali al farmacista. 



Giorgio D'Amato

venerdì 24 febbraio 2017

Lo sbarazzo

"Immaginatevi Rusulé, picciotta di vent'anni, arripustata supr'a 'n altare di Cattedrale - mancu 'u Signuri vulissi; un giorno che stava affacciata alla finestra della cupola, si ci arricampò, attipo annunciazione, un tonno con la voce a cannavazzu.
- Rusalé, chi hai?
- Sugnu siddiata.
- E picchì?
- Ccà rintra...vulissi canciàri aria.
- E picchì 'un t'affitti 'na casa?
- Buanu fussi!
E fu accussì chi 'i palermitani restaru alluccuti: un jornu vittiru 'na lapa r'i sbarazzi, idda ravanti e la lapa n'arré, idda cu la truscia e la lapa chi a casciuni purtava un calice, un candelabro, 'na panca, due valigie di paramenti, 'na para di centrini. Talé - disse uno - talé in cielo... c'erano tri tunni chi vulavanu, e portavano valigie con cuori d'argento e d'oro, collane e rosari.
- Rusulé, menza Cattedrale svacantasti?
- Curò, mi staju purtannu 'u miu!
E su indicazione di un tunnu, idda arrivò in una agenzia, "Pigghia Casa"; lì c'era un tunnu che ci diede le chiavi e una buttigghia di moesciandò.
- Rusulé, sbagna 'sta casa, si trova a Baddarò. Viviti 'sta buttigghia a' saluti tua e di tutti i paleimmitani.
Forse Rusulé si imbriacò con tutti i tunni, non lo sappiamo, fatto sta che ora, chi vuole, la trova sotto Casa Professa."